EPA 2017
Xagena Mappa
American Psychiatric annual meeting
WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017

Trattamento dei pazienti con disturbo bipolare, potenziali suicidi


Il disturbo bipolare è associato ad alto rischio di atti suicidari. Studi osservazionali suggeriscono un effetto protettivo del Litio ( Carbolithium ) nei confronti del comportamento suicidario.

Tuttavia, testare questo effetto in studi clinici randomizzati è logisticamente ed eticamente impegnativo.

È stata considerata l'ipotesi che il Litio offra ai pazienti con malattia bipolare e una storia di tentativi di suicidio una maggiore protezione contro il comportamento suicida rispetto al Valproato ( Depakin ).

Pazienti con disturbo bipolare e precedenti tentativi di suicidio ( n=98 ) sono stati randomizzati al trattamento con Litio o Valproato, oltre ai farmaci aggiuntivi come indicato, in uno studio in doppio cieco di 2.5 anni.

Un'analisi intent-to-treat è stata eseguita utilizzando il test log-rank per i dati di sopravvivenza.

Ci sono stati 45 eventi di suicidio in 35 partecipanti, di cui 18 tentativi da parte di 14 partecipanti, 6 inseriti nel gruppo Litio e 8 nel gruppo Valproato.
Non ci sono stati suicidi.

L'analisi intent-to-treat utilizzando il test log-rank non ha mostrato differenze tra i gruppi di trattamento per ciò che ha riguardato il tempo al tentativo di suicidio o all'evento di suicidio. I calcoli di potenza post hoc hanno rivelato che la dimensione modesta del campione, significativa della difficoltà di reclutamento, ha consentito soltanto il rilevamento di un rischio relativo di 5 o superiore.

In conclusione, nonostante l'elevata frequenza di eventi suicidari durante lo studio, questo studio randomizzato e controllato non ha rilevato alcuna differenza tra Litio e Valproato in termini di tempo al tentativo di suicidio o a un evento di suicidio in un campione di soggetti predisposti con disturbo bipolare.
Tuttavia, piccole differenze clinicamente significative tra i due farmaci non sono state escluse. ( Xagena2011 )

Oquendo MA et al, Am J Psychiatry 2011; 168: 1050-1056


Psyche2011 Farma2011


Indietro